Saturday 28 November 2020
Prima Pagina

«Mio figlio gay respinto dal sacerdote»

Luca Bagnoli
«Quando Francesco ha rivelato di essere omosessuale, il sacerdote non gli ha concesso l'assoluzione, e la domenica successiva gli ha negato la comunione, di fronte a tutta la comunità». Papà Roberto, di Mestre, che preferisce restare anonimo per eludere intimidazioni già subite, ha la voce tremante quando ripercorre la storia della sua famiglia, una storia che parla d'identità rifiutate, di caratteristiche innate che spesso la società, a tutti i livelli, fatica a riconoscere e accettare.


Per continuare a leggere l'articolo, l'edizione de Il Gazzettino dalla mezzanotte e tutte le edizioni del giornale, attiva subito la promozione.

Leggi Subito