Friday 28 February 2020
Prima Pagina

Sfasciò l'ufficio postale per il Reddito in ritardo ma non ne aveva diritto

Aveva distrutto un ufficio postale a inizio gennaio perché non gli era ancora arrivato il bonifico mensile del reddito di cittadinanza. Centomila euro di danni e tanta paura per dipendenti e clienti che si trovavano allo sportello di Piove di Sacco. Ma per avere il sussidio il nordafricano aveva presentato documenti falsi per dimostrare un'inesistente domicilio. Ieri la Finanza lo ha denunciato e gli ha presentato il conto.


Per continuare a leggere l'articolo, l'edizione del Messaggero dalla mezzanotte e tutte le edizioni del giornale, attiva subito la promozione.

Leggi Subito